19 dicembre 2014

Lasagne al ragù di pesce

Lasagne al ragù di pesce

Lasagne al ragù di pesce

Da 16 anni a questa parte, anche questo Natale lo trascorrerò con la mia famiglia in Puglia. Non riuscirei proprio ad immaginarmelo diversamente, forse perché credo di non averlo mai passato altrove. Il fatto di aver vissuto per tanto tempo lontana da casa mi ha fatto apprezzare sempre più il momento della reunion, infatti questa è la sola occasione che ho di rivedere gran parte della famiglia riunita. Solitamente la cena della Vigilia la trascorriamo a casa mia e mia madre cucina (come nessuno) il pesce. Nel rispetto di questa tradizione, vi propongo anche io un primo davvero buonissimo: le lasagne al ragù di pesce.

Se questo è un uovo - Lasagne al ragù di pesce


Ingredienti per 4 persone:
  • uno spicchio di aglio
  • 150 gr gallinella
  • 150gr pesce spada
  • 10 olive nere Taggiasche denocciolate
  • 2 pomodori ramati
  • 5 pomodorini pachino
  • 33ml di passata di pomodoro
  • olio
  • sale
  • 8/9 fogli di pasta per lasagne

Portate ad ebollizione dell'acqua con un cucchiaio di olio in una pentola abbastanza capiente, salate e immergete una alla volta i fogli di pasta. Lasciate cuocere per 5/6 minuti dopodiché scolateli una alla volta e stendeteli su un canovaccio pulito a distanza l'uno dall'altro.

Pulite tutto il pesce dalle lische e dalla pelle e fatelo a dadini.

Incidete i pomodori e tuffateli nell' acqua bollente per 5 minuti, scolateli e staccatene la pelle.
In una casseruola mettete a scaldare un cucchiaio di olio e aggiungete l'aglio tagliato a pezzetti. Quando inizia a soffriggere, unite i pomodori tagliati a pezzi e la salsa. Salate e lasciate cuocere.
Dieci minuti prima della fine della cottura aggiungete il pesce tagliato a dadini e le olive nere.
Continuate la cottura a fiamma bassa in modo che evaporino parte dei liquidi che il pesce avrà perso.

Quando il ragù sarà pronto bisognerà formare i diversi strati.
Iniziate col mettere un po' di sugo sul fondo della teglia da forno in cui cuocerete le vostre lasagne; alternate i fogli di pasta al condimento fino ad esaurimento.
Terminate con uno strato di ragù ovviamente.
Infornate a 180° per 20 minuti, il tempo di renderle abbrustolite e croccanti. Buon appetito!
Se questo è un uovo - Lasagne al ragù di pesce
Se questo è un uovo - Lasagne al ragù di pesce
Se questo è un uovo - Lasagne al ragù di pesce

15 dicembre 2014

La pizza di scarola

La pizza di scarola

La pizza di scarola


La pizza di scarola dà inizio alle ricette di Natale. Questo antipasto di origine campana è una sorta di focaccia rustica ripiena di scarola, immancabile sulle tavole partenopee la notte della Vigilia.
Io per la preparazione ho seguito la ricetta di Angela Frenda (napoletana D.O.C.!) perché mi piaceva l'idea che il sapore amaro della scarola venisse smorzato dall'uvetta che fa tanto Natale.
Poiché circa una settimana fa Sabina, una dolcissima signora di Ivrea, grande cuoca e maestra, mi ha donato un fagottino chiamato “Lievito Madre” insegnandomi ad usarlo, non potevo perdere questa occasione per provarlo. Non dimentico però chi mi ha accompagnato in tutte le scorse ricette ovvero il lievito di birra, perciò, laddove possibile vi indicherò entrambe le dosi del lievito, in modo da dare a tutti la possibilità di scegliere quello da usare.

Ecco come ho fatto la pizza di scarola!
Se questo è un uovo - Pizza di scarola


Ingredienti:

Per la pasta:
  • 1 cubetto di lievito di birra oppure 200 gr di levito madre
  • 600gr farina 0
  • 300 gr acqua

Per il ripieno:
  • 10 olive nere denocciolate
  • 30 gr pinoli
  • olio evo q.b.
  • 5 acciughe sott'olio
  • sale q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • uvetta q.b.
  • 2 cespi di scarola
  • uovo


In una ciotola, sciogliete il lievito nell'acqua.
Mettete la farina su una spianatoia e create la fontana al centro. 
Versate l'acqua e impastate per almeno 10/15 minuti. Lasciate lievitare l'impasto per 12 ore circa.

Lavate e tagliate la scarola.
In una casseruola scaldate due cucchiai di olio evo con l'aglio.
Unite le acciughe e lasciatele sciogliere.
Aggiungete le olive denocciolate e tagliate, l'uvetta precedentemente messa a bagno, e infine la scarola. Salate e mescolate per bene.
Coprite con un coperchio e lasciate che questa rilasci tutti liquidi.
Dopo circa 15 minuti, togliete il coperchio in modo da farli evaporare.
Quando le vostre verdure saranno ben asciutte, spegnete e lasciate raffreddare.
Prendete la pasta, tagliatela in 2 e con le mani stendetela in modo da avere due dischi, perché con il primo pezzo formerete la base e con l'altro la copertura.
Servitevi di una teglia a cerniera, vi aiuterà ad estrarre più facilmente la vostra torta.
Disponete il primo disco di pasta lasciando che i bordi ricadano esternamente. Riempite con la scarola stufata, disponete il secondo disco e chiudete i bordi del primo verso l'interno.
Spennellate con l'uovo sbattuto e punzecchiate la superficie con i rebbi della forchetta. 
Infornate per 40 minuti a 180°. Buon appetito!

Se questo è un uovo - Pizza di scarola
Se questo è un uovo - Pizza di scarola

Se questo è un uovo - Pizza di scarola




4 dicembre 2014

Biscotti di avena al cioccolato

Biscotti di avena al cioccolato

Biscotti di avena al cioccolato

La ricetta di oggi l'ho trovata nel libro di Paola Galloni"Magra": si tratta dei biscotti di avena, fantastici da sgranocchiare a merenda o per una giusta colazione.
Tante volte si associa il cibo sano a ricette poco saporite ma questo non è assolutamente vero e il libro ne dà la conferma perché leggendolo ho trovato tantissimi spunti per piatti pieni di gusto: dai dolci per la colazione fino ai dessert. 
Io ho modificato un po' la ricetta originale dei biscotti all'avena, l'ho fatta mia e ci ho messo quello che piace a me, dopotutto l'aspetto meraviglioso della cucina è proprio quello di partire da una preparazione, stravolgerla e farla diventare una squisitezza del tutto differente e personale.
Ho aggiunto agli ingredienti anche la quinoa soffiata che potete trovate nei più comuni negozi di alimentazione biologica e delle gocce di cioccolato fondente 75%, che non fa male. 
Il consiglio che dà l'autrice e che darei anche io è quello di conservare i biscotti in una scatola di latta affinché restino fragranti. Buona colazione!

Se questo è un uovo - Biscotti  di avena al cioccolatoo

Ingredienti

  • 200gr farina 00
  • 150g fiocchi d'avena
  • 40 gr di cioccolato fondente 75% tagliato a pezzettini piccoli
  • 20 gr di quinoa soffiata
  • 50gr zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1pizzico di sale
  • 125gr yogurt al limone
  • 1 uovo
  • 20 gr di olio di semi
Ricoprite con della carta forno la placca e mettetela a scaldare nel forno a 180°.
In una ciotola sbattete l'uovo con lo zucchero. Aggiungete le polveri (farina, sale, lievito) e continuate a mescolare. Unite uno alla volta gli ingredienti liquidi ovvero lo yogurt e l'olio. 

Per ultime l'avena, la quinoa e le gocce di cioccolato. Mescolate tutto e dividete in piccole porzioni l'impasto sulla teglia stando attenti a lasciare un po' di spazio tra un biscotto e l'altro, perché con la lievitazione tenderanno ad allargarsi. Fate cuocere per 15 minuti sempre a 180° e quando i bordi saranno ben dorati tirateli fuori e lasciate che si freddino.

Se questo è un uovo - Biscotti  di avena al cioccolato
Se questo è un uovo - Biscotti  di avena al cioccolato

1 dicembre 2014

Orzotto con zucca, taleggio e amaretti

Orzotto con zucca, taleggio e amaretti

Orzotto con zucca, taleggio e amaretti

Il colore della zucca mi ricorda tanto quello dei tramonti estivi e forse è proprio questo il motivo che inconsciamente mi spinge a sceglierla spesso come ingrediente durante l'inverno: mi scalda, mi tranquillizza e mi fa capire che anche questo inverno passerà e ci saranno altri soli e altri tramonti da ricordare. Oggi ho scelto di preparare un orzotto con la zucca la cui preparazione è la stessa del risotto, ma come ingrediente base l'orzo appunto. 
Sostituisco spesso il riso con l'orzo, perché ne adoro la consistenza; io lo lascio cuocere con l'acqua, non col brodo, perché voglio che i sapori del cereale e della zucca in questo caso, si sentano nella loro interezza, che siano autentici. 

Se questo è un uovo - Orzotto con zucca, taleggio e amaretti

Ingredienti per 2 persone

  • 100 g di orzo perlato
  • 220g zucca mantovana
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • olio evo
  • scalogno
  • acqua
  • 4 amaretti
  • 60gr taleggio
  • rosmarino
  • sale

Lavate un po' di volte l'orzo e tenetelo da parte. Pulite la zucca e fatela a pezzetti. In una casseruola fate scaldare due cucchiai di olio con un po' di scalogno tritato. Quando inizia a soffriggere, unite l'orzo e lasciatelo tostare come fosse un riso. Sfumate con il vino bianco e lasciate andare a fuoco medio per due minuti.  Aggiungete la zucca a pezzetti e coprite con acqua calda. 
Fate cuocere a fiamma bassa con il coperchio per 10/12 minuti. Dopo questo tempo togliete il coperchio e lasciate che l'acqua evapori completamente. Salate a vostro piacimento e aggiungete 2 amaretti sbriciolati. Amalgamate bene e unite i pezzetti di taleggio per mantecare. 
Impiattate e decorate con le briciole degli altri 2 amaretti e aghi di rosmarino fresco. Buon appetito.

Se questo è un uovo - Orzotto con zucca, taleggio e amaretti
Se questo è un uovo - Orzotto con zucca, taleggio e amaretti






24 novembre 2014

Torta del nostro compleanno

Torta del nostro compleanno

Torta del nostro compleanno


Oggi l’Ovetto compie un annooooo!!! Sembra passato così tanto tempo da quando pubblicavo con incertezza e agitazione il mio primo post. Ve lo ricordate? Si trattava dei biscotti di riso con gocce di cioccolato.
Quanta strana felicità racchiudevo dentro di me per quel piccolo progetto che partiva in punta di piedi. Sarebbe diventata “la valvola di sfogo della mia creatività”, mi dicevo. Ho dato vita quindi a “Se questo è un uovo”, accettando il rischio che potesse perdersi nell’immenso mare dei blog di cucina, però devo dire che è stato un anno a dir poco fantastico per me.
Qualcuno all'inizio mi disse: “non sai nemmeno dove ti può portare un blog di cucina”…ed era vero! Se penso a quante opportunità si sono create, quasi non ci credo.
Col tempo tante cose sono cambiate, altre si sono aggiunte, molte sparite, una sola cosa è rimasta invariata: io davanti al computer che scrivo cercando di raccontarvi le mie giornate, la mia vita, i ricordi che mi accompagnano e le cose che mi emozionano.
Mi auguro davvero che questo vi sia arrivato, e soprattutto che entrando nel mio blog almeno una volta vi siate sentiti un po' a casa, speranzosi di poter trovare qualcosa (una riga, un ricordo, una foto...) capace di farvi star bene o di strapparvi un sorriso.
Grazie di cuore per aver passato un anno in mia compagnia!!

Vi lascio la ricetta di questa torta che è tra quelle appaganti che senti il bisogno di mangiare perché sai di averla meritata, perciò sappiate che è tutt'altro che light!!!
Se questo è un uovo - Compleanno - Primo Anno


Ingredienti

  • 200gr farina 00
  • 200gr zucchero di canna grezzo
  • 150 gr burro
  • 2 uova a temperatura ambiente
  • 35 gr cacao in polvere amaro
  • 2 gr di bicarbonato
  • un pizzico di sale
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • 80 gr acqua calda
  • 120 gr nocciole

Per la crema interna

  • 250g formaggio spalmabile
  • 120gr zucchero a velo

Per la copertura

  • 200 ml di panna vegetale per dolci
  • un pizzico di sale
  • nocciole intere

Caramello

  • 200gr zucchero di canna
  • 90gr burro
  • 120ml di panna vegetale per dolci
  • ½ bacca di vaniglia

Per la torta:
Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente per almeno un paio d'ore, dopodiché lavoratelo con lo sbattitore fino ad ottenere una consistenza soffice; aggiungete lo zucchero un po' per volta e continuate a lavorare gli ingredienti. Rompete le uova e inglobatele una per volta al burro.
Nella stessa ciotola, setacciate il cacao e aggiungete l'acqua bollente.
A parte mettete insieme: la farina, il bicarbonato, il sale e il lievito. Mescolateli bene e uniteli agli altri ingredienti. Amalgamate il tutto e infine aggiungete le nocciole tritate.
Imburrate una teglia a cerniera e spolverate con del cacao in polvere.
Versate all'interno gli ingredienti e infornate per 30/35 minuti in forno preriscaldato a 180°C.
Fate la prova dello stecchino per vedere se all'interno e cotta.
Quando sarà pronta, sfornatela, lasciate raffreddare completamente e tagliate longitudinalmente per ottenere due strati.

Per la farcitura interna:
in una ciotola mettete il vostro formaggio spalmabile e lo zucchero a velo e con l'aiuto di uno sbattitore lavorate gli ingredienti fino a quando avranno una consistenza cremosa e senza grumi.

Per la copertura:
Montate la panna fino a quando non risulta compatta: alzando le fruste dovrebbe rimanere attaccata. Tenetela da parte.

Per il caramello:
Mettete sul fuoco un pentolino con all'interno lo zucchero e lasciate che si sciolga completamente senza girarlo. Quando arriverà ad ebollizione aggiungete il burro un po' per volta, stando MOLTO ATTENTI perché il butto tenderà a friggere e schizzare fuori dal pentolino. Fate quindi molta attenzione ad allontanare il volto. Mescolate fino a che il burro sarà sciolto completamente.
Tagliate la bacca di vaniglia per la lunghezza ed estraetene i semi. Aggiungeteli quindi al caramello.
A questo punto versate la panna a filo continuando a girare. Lasciate sul fuoco per altri 5 minuti dopo di che mettetelo in un barattolo e lasciate raffreddare. Potete conservare il caramello in frigo per una settimana circa. Se dovesse indurirsi un po', fatelo sciogliere a bagno maria.

É arrivato il momento di “assemblare” la vostra torta. Mettete in un piatto la base della torta, farcitela con la crema al formaggio, lasciate cadere il caramello specialmente sui bordi, coprite con il secondo strato di torta. Adagiate la panna e fate scivolare da un cucchiaino altro caramello. Spolverate con del cacao e adagiate delle nocciole intere.

Buon appetito a voi e buon compleanno a noi ;-).

Se questo è un uovo - Compleanno - Primo Anno

Se questo è un uovo - Compleanno - Primo Anno

Se questo è un uovo - Compleanno - Primo Anno
Se questo è un uovo - Compleanno - Primo Anno





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...