25 settembre 2014

Ravioli di pane carasau con crema di pomodori secchi e acciughe

Ravioli di pane carasau con crema di pomodori secchi e acciughe

Ravioli di pane carasau con crema di pomodori secchi e acciughe

Sono entrata in un tunnel senza via d'uscita: l'interior design. La cosa è stata molto graduale nel senso che all'inizio mi sembrava fosse solo un'interesse nato come "appendice" di quella che è la mia professione primaria (non so se ve l'ho mai detto, io sono una web designer). Adesso, però, mi sto rendendo conto che la cosa si è fatta seria.
Proprio ieri facevo caso alla mole di banner che affollano le pagine su cui navigo e sono TUTTI (non sto esagerando) di accessori per la casa: modernariato, tavoli, tavolini, sedie, vasi, fiorellini, piatti e scarpiere; perché lo sapete che i banner che vedete vertono sempre sugli argomenti che siete soliti cercare, vero?? La mia salvezza sta nel fatto che sono in affitto, perciò più di tanto non investo per la casa in cui vivo adesso.
Io amo molto lo stile scandinavo, avete presente? Bianco accecante e legno naturale; l'unica cosa che aggiungerei sono le tende! Forse loro non le mettono per sfruttare al massimo la luce, ma qui in Italia una casa senza tende è una cosa abbastanza inusuale. Anche ad Amsterdam notai che le case, persino quelle al pian terreno, non avevano le tende. Io però le metterei, non si sa mai che mi capiti un dirimpettaio curioso...
Ieri tra una rivista di interior design e un blog di DIY, ho preparato questi ravioloni con il pane carasau. Volevo che fossero rustici, autentici e poco “raffinati” quindi ho lasciato le erbette al naturale, senza ricorrere al mio grande amico tritatutto, saltandole in padella con un po' di aglio. Niente creme all'interno, ma solo una salsa di accompagnamento a base di pomodori secchi e acciughe.

Il mio consiglio è di mangiarli rigorosamente con le mani inzuppandoli nella crema, sarà una vera goduria, fidatevi. Buon appetito!

Ingredienti per 2 persone:

  • 200 gr di erbette/ bietole
  • 1 spicchio di aglio
  • 4 alici
  • pomodori secchi tritati q.b.
  • 4 mezzelune di pane carasau
  • brodo vegetale
  • pecorino sardo
  • sale
  • pepe


Per il ripieno:
cuocete 200gr di erbette in acqua salata, scolate molto bene (schiacciateli se è necessario) e lasciate raffreddare. Prendete una padella scaldate dell'olio con uno spicchio d'aglio e saltate le verdure.

Per i ravioli:
in una pentola molto grande scaldate il vostro brodo vegetale, tagliate gli angoli delle mezzelune affinché entrino nella pentola senza romperle e quando il brodo bolle tuffate il pane nella pentola.
Dopo 15 secondi esatti tiratele fuori e mettetele una sull'altra su un tagliere e lasciate che si freddino un po'. Trascorso qualche minuto, tagliate dei quadrati con un coltello a lama piatta.

Per la salsa:
in una padella scaldate dell'olio e fate sciogliere le vostre alici. Aggiungete i pomodori secchi tritati finemente. Fate cuocere a fuoco vivace e aggiungete un po' di acqua. Quando la salsa sembrerà avere una consistenza quasi cremosa, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.

É il momento di riempire i ravioli.
Mettete le verdure all'interno dei ravioli e piegateli a triangolo come fossero dei tovaglioli.
Disponeteli in una teglia su cui avrete messo della carta forno. 
Condite con un filo di olio e una spolverata di pepe prima di metterli in forno a 180°.
Vi accorgerete che saranno pronti dal colore dei bordi: quando li vedrete dorati e sembreranno voler prendere il volo sarà il momento di tirarli fuori dal forno.
Disponeteli a questo punto su un piatto da portata e guarnite con la vostra salsa di pomodori secchi e una spolverata di pecorino sardo.







19 settembre 2014

Pesto di rucola e kiwi

Pesto di rucola e kiwi

Pesto di rucola e kiwi

La ricetta di oggi arriva direttamente dalla cucina della mia amica Rita. E' un pesto che potete preparare anche all'ultimo minuto, o congelare, da servire con la pasta ma anche, come ho preferito fare io, con dei crostini di pane come antipasto.
La rucola, quella buona, ha un sapore molto intenso e amaro che a me non dispiace affatto, ma in questa ricetta la dolcezza del kiwi ne spezza le note pungenti dando alla crema un gusto davvero particolare. Io ho usato la Rucola Insal'Arte di OrtoRomi.
Un ringraziamento particolare naturalmente va alla mia amica Rita, che in cucina sperimenta e crea con abile maestria riuscendo sempre ad ottenere risultati unici.

Se questo è un uovo - Pesto di rucola e kiwi

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 gr di Rucola Insal'Arte Ortoromi
  • 1 kiwi
  • 25gr di mandorle
  • 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano
  • 2 cucchiai di Olio evo
  • ½ cucchiaino di sale

Sbucciate il kiwi, affettatelo e mettetelo nel mixer inseme alla rucola, l'olio, il sale le mandorle e il Parmigiano Reggiano. Se preferite un sapore lievemente affumicato, tostate le mandorle in una padella anti aderente, stando attenti a farle completamente raffreddare prima di inserirle nel mixer insieme a tutti gli altri ingredienti.
Frullate tutto fino a quando non otterrete una crema morbida. Decorate il vostro piatto con una manciata di scaglie di mandorle. Alla prossima!
Se questo è un uovo - Pesto di rucola e kiwi
Se questo è un uovo - Pesto di rucola e kiwi
Se questo è un uovo - Pesto di rucola e kiwi






16 settembre 2014

Cous cous integrale con verdure

Cous cous integrale con verdure

Cous cous integrale con verdure


Con il cous cous vivo sempre un rapporto di amore e odio, perché stranamente non l'ho amato affatto quando lo mangiai in Marocco: era un po' molliccio e con verdure bollite più che saltate. Al contrario, adoro come lo preparano in Italia: la consistenza croccante e le innumerevoli varianti tra cui scegliere me l'hanno fatto adorare. Quello col pesce di San Vito lo Capo chi se lo dimentica!!!
Quando lo preparo in casa, scelgo un'infinita varietà di verdure, ma oggi ho scoperto che l'insalata Vivace di Insal'Arte che contiene indivia, scarola e carote, può bastare da sola, senza l'aggiunta di altro per avere un cous cous altrettanto appetitoso. 
Non sempre possiamo dedicare molto tempo alla preparazione dei nostri piatti, perciò bisogna trovare il modo di essere pratici, veloci e portare a casa un ottimo risultato, quindi prendete senza pensarci su, una di queste buste, rimarrete davvero stupiti del gusto del vostro cous cous.
Se questo è un uovo - Cous cous integrale con verdure

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr di cous cous integrale
  • 200gr di insalata Vivace Insa'Arte
  • 1 scalogno
  • 3 cucchiai di olio evo.
  • sale q.b.


Portate a bollore dell'acqua salata e versatela poco per volta sul cous cous che avrete precedentemente messo in una ciotola.
La quantità di acqua giusta è quella che ricopre esattamente (o poco più, dipende dal tipo di cous cous scelto) il volume del cous cous nella ciotola.
Lasciate che l'acqua venga assorbita completamente.
In una padella scaldate l'olio con lo scalogno tagliato finemente, aggiungete l'insalata Vivace Insal'Arte, salate e coprite con un coperchio in maniera che le verdure perdendo i suoi liquidi si cuociano.
Dopo 5 minuti togliete il coperchio e lasciate evaporare l'acqua.
Passiamo di nuovo al cous cous; è il momento di sgranarlo, ovvero, prendetene un po' tra le mani e strofinatele tra loro facendo cadere i grani nella ciotola. Ripetete questo gesto fino a quando non sarà più compatto.
Nel frattempo le verdure si saranno completamente asciugate, perciò unitele al vostro cous cous mescolando bene in maniera che tutti gli ingredienti siano ben amalgamati. Impiattate e servite.
Se questo è un uovo - Cous cous integrale con verdure
Se questo è un uovo - Cous cous integrale con verdure





08 settembre 2014

Spaghetti integrali con vongole e limone

Spaghetti integrali con vongole e limone

Spaghetti integrali con vongole e limone

"A che ora arrivi?"
"Alle 16"
"Ah, bene...così passiamo al porto e stasera mangiamo gli spaghetti con le vongole".

Questa è la tipica conversazione telefonica tra me e mia madre o mio padre, quando arriva il momento di tornare a casa. L'unica possibile variante potrebbe essere che le vongole le prendiamo per mangiarle il giorno successivo (si, perché se le vongole le mettete in uno straccio bagnato e le conservate in frigo, potete mangiarle anche il dì seguente).
Spaghetti con le vongole per me significa casa, estate e profumo di mare, significa il rumore dei gusci che sfregano tra loro, la sorpresa di vederle tutte aperte quando togli il coperchio e la delusione di trovarne una vuota.
Non è facile però, saper preparare un buon piatto di pasta con le vongole, quindi ho deciso di dirvi come piace a me. Forse in futuro vi proporrò anche la versione "in rosso" con i pomodorini, ma adesso iniziamo da questo, che secondo il mio punto di vista, è il modo più autentico e semplice di mangiare le vongole.

Se questo è un uovo _ Spaghetti integrali con vongole e limone

Ingredienti per 2 persone:

  • 400 grammi di vongole veraci
  • sale fino
  • 150gr dispaghetti integrali
  • limone non trattato
  • olio evo
  • prezzemolo
  • vino bianco


Per preparare le vongole, mettetele in una ciotola e copritele con acqua del rubinetto, aggiungete due cucchiai di sale fino e lasciatele li per 2/3 ore girandole di tanto in tanto.

Trascorse le due ore, mettetele in uno scolapasta, passatele sotto l'acqua corrente ed eliminate quelle aperte o con il guscio rotto.

Mettete le restanti in una pentola, chiudete con un coperchio e accendete il fuoco. Giratele e fate in modo che quelle in superficie vadano in basso per essere più vicine al fuoco ed aprirsi.

Dopo 10 minuti, aprite e vedete se sono tutte ben aperte. Spegnete il fuoco.
Separate una metà delle vongole dal proprio guscio e tenetele da parte. Le restanti toglietele dalla pentola e dall'acqua che hanno rilasciato.

In una padella mettete a scaldare 2 cucchiai di olio con uno spicchio di aglio e quando inizia a soffriggere aggiungete sia le vongole sgusciate che le altre, sfumate con 1/3 di bicchiere di vino bianco e lasciate andare a fuoco lento fino a quando non sentirete più odore di alcol.

A parte portate ad ebollizione l'acqua e fate cuocere i vostri spaghetti; ricordatevi di salare l'acqua.
Per i tempi di cottura, seguite le indicazioni segnate sul pack della pasta per la cottura al dente.

Una volta cotta, scolate e unite la pasta alle vongole e lasciate andare a fuoco vivo girandola.
Se vi sembra secca, potete aggiungere un po' dell'acqua delle vongole sempre filtrandola con una garza.

Nella stessa pentola grattugiate la scorza di un limone non trattato e aggiungete del prezzemolo tritato. Impiattate e finite con altro prezzemolo e ancora una goccia di olio evo a crudo.

Buon appetito!!
Se questo è un uovo _ Spaghetti integrali con vongole e limone
Se questo è un uovo _ Spaghetti integrali con vongole e limone
Se questo è un uovo _ Spaghetti integrali con vongole e limone




03 settembre 2014

Insalata di Anguria

Insalata di Anguria

Insalata di Anguria

Eccomi qui, rientrata dalle vacanze ma ancora assopita da tutto l'azzurro di cui ho fatto scorpacciate nei mesi estivi. Sicilia e Puglia le mie mete, potete capire che non è facile riprendersi.
Ho cercato di "documentare" per quanto possibile il mio viaggio tramite Instagram, ma le foto non rendono giustizia allo splendore di alcuni posti. Voi dove siete stati di bello? Mete da raccomandare per il prossimo viaggio? Io vi consiglio di partire alla scoperta dell'entroterra della Puglia del nord. Io stessa che sono nata e cresciuta li, mi sorprendo ogni volta di quanta storia, arte e cultura ci sia in quella zona. Mete per lo più sconosciute ai turisti: piccole perle incastonate in quel piccolo brandello di terra per molti versi quasi staccato dal tutto il resto della regione. Perciò se volete fare del turismo insolito e per lo più culturale e artistico da quelle parti, chiedetemi pure tutte le informazioni che vi servono perché sarò lieta di aiutare voi e il mio territorio. 
Oggi vi propongo una ricetta estiva, facile e veloce con l'anguria (ce l'avremo ancora per poco, quindi vale la pena provarla subito!) che forse alcuni di voi già conoscono, ma per chi non l'avesse mai assaggiata, ecco l'insalata di anguria.
Se questo è un uovo - Insalata di Anguria

Ingredienti:


  • anguria da scavare o tagliare a dadini
  • limone non trattato
  • pepe
  • sale
  • olio
  • menta

Scavate l'anguria con lo scovolino da gelato oppure tagliatela a dadini. Mettetela in una ciotola e conditela con olio, sale e pepe. Grattugiate della scorza di limone non trattato e unitelo all'anguria. Infine lavate e asciugate delle foglioline di menta e aggiungetele alla vostra insalata. Mescolate il tutto con molta delicatezza per evitare che l'anguria di disfi. 
Guarnite il piatto con foglioline di menta intere e altra scorzetta di limone. Buon appetito!!
Se questo è un uovo - Insalata di Anguria
Se questo è un uovo - Insalata di Anguria
Se questo è un uovo - Insalata di Anguria




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...